Licei e Medie Malpighi
seguici su facebook flickr youtube
MEMOS
la newsletter dei licei e delle scuole medie malpighi
 

Per l’alto mare aperto. I ragazzi del Liceo iniziano l'anno scolastico con una traversata

Il primo giorno di scuola è iniziato con Michele Zambelli, un ragazzo di ventisei anni che in solitaria ha attraversato l'oceano...

x

Per l’alto mare aperto. I ragazzi del Liceo iniziano l'anno scolastico con una traversata

http://www.liceomalpighi.it/memos/N10Aint1.jpg

“La cosa più bella che ho imparato a scuola è una parola, “spleen”, malinconia.
Soffrivo di quel virus.
E poi, quando guardavo il mare di notte, dalla spiaggia, mi immaginavo lì e sentivo una cosa dentro allo stomaco.”
Parte da qui l’avventura che Michele Zambelli , velista oceanico in solitaria, ha raccontato agli alunni del Malpighi, riuniti per il primo giorno di scuola.
Parte da una voglia di andare, da un’ipotesi da verificare.
Ha lasciato la scuola e si è messo a fare il muratore, con il sogno della vela, di una traversata oceanica magari: “Avevo 18 anni, facevo colazione al bar e ho capito che ci avevo già rinunciato, che già trovavo scuse per non provarci nemmeno.
Ero come Parsifal, che passa la vita a cercare il Graal e che, nell’istante in cui il Graal gli passa davanti, non se ne accorge e lo vede sparire per sempre. Parsifal ha perso così la sua più grande occasione perché non ha avuto il coraggio di chiedere”.
E allora torna sui banchi di scuola, studia l’inglese, la matematica, la fisica, e durante il giorno lavora al suo progetto.
Chiede a tutti, e trova tutto quel che serve per compiere l’impresa: una barca, uno sponsor, compagni per il suo sogno. Li chiama “fari”: “Anche voi, in classe, siete fari l’uno per l’altro, potete aiutarvi, arrivare lontano.”
Così si possono affrontare il mare e le sue onde, si può rischiare persino l’imprevisto di rimanere senza l’albero maestro.
E poi, tutto diventa utile: “Chi l’avrebbe mai detto che in mezzo all’oceano mi sarebbe servito l’inglese? Ancora, in mezzo al mare ho scoperto la Divina Commedia, l’ho ascoltata quattro volte, ero commosso dalla sua bellezza.”
Ha attraversato l’oceano in solitaria, è arrivato secondo, ma, in un sorriso, confessa che la vera avventura è stata il viaggio che lo ha portato fino ai blocchi di partenza; ringrazia gli amici che lo sostengono: “perché bisogna essere circondati di persone per poter vivere la solitudine.”
E saluta i nostri ragazzi: ”Se guardate una cosa, e sentite un piccolo fuoco dentro che brucia, dovete approfondirla.”
E poi mollare gli ormeggi.

Maria Diodati, Docente di Italiano
Un aiuto per il terremoto
Ilaria e Pietro ci hanno regalato un concerto sorprendente...
Scegliere le scuole superiori
Gli appuntamenti per conoscere le proposte dei nostri Licei...
Il Malpighi cresce
Le Scuole Elisabetta Renzi di Cento si uniscono al Malpighi...
x

Ilaria e Pietro ci hanno regalato un concerto sorprendente...

http://www.liceomalpighi.it/memos/N10Bint1.jpg

”Sorpreso dalla gioia”.
Le parole di C.S. Lewis suggeriscono con intensità l’esperienza che abbiamo vissuto il 7 ottobre al concerto organizzato dal nostro Liceo, presso la Chiesa di S. Cristina, per aiutare i ragazzi delle zone terremotate.

Sorpresi innanzitutto dal desiderio di tanti ragazzi e insegnanti che, iniziando la scuola, non hanno potuto dimenticare gli studenti che, colpiti dal terremoto, una scuola non l’hanno più.

Sorpresi dalla bravura e dal talento dei nostri studenti Ilaria Taioli, al violino, e di Pietro Fresa al pianoforte, che, introdotti dal Maestro Giulio Giurato, ci hanno coinvolto nella loro grande passione per la musica, felici di suonare per compagni, genitori e amici, ma soprattutto di aiutare i loro compagni meno fortunati.

Sorpresi per la bellezza delle note di Beethoven e l’intensità travolgente della Danza Ungherese di Brahms che in un dialogo fra le corde del violino e le note del pianoforte ci hanno coinvolto ad ascoltare, in silenzio, un movimento dell’animo.

E sorprendente, infine, è stata la notizia che, grazie ad una collaborazione fra Miur e Malpighi, il ricavato del concerto servirà ad accogliere a Bologna proprio un gruppo di alunni di Arquata del Tronto, uno dei paesi più colpiti dal terremoto, per i quali stiamo organizzando un periodo di accoglienza a Bologna.

Sabina Gerardi, Docente di Italiano
x

Gli appuntamenti per conoscere le proposte dei nostri Licei...

http://www.liceomalpighi.it/memos/N10Cint2.jpg


Entro febbraio gli studenti di terza media dovranno scegliere il proprio percorso di studi.
Il Liceo Malpighi, per aiutare studenti e famiglie nell’orientamento, ha organizzato alcuni momenti dedicati ad approfondire i criteri per la scelta ed alla presentazione dei diversi indirizzi di studio:

-- BOLOGNA --
Liceo Scientifico, Liceo Linguistico e Liceo Scienze Applicate

Un giorno al liceo
Laboratori e lezioni per le classi di terza media
Per informazioni e dettagli è possibile contattare il prof. Marco Ferrari, mferrari@liceomalpighi.it

Aperture pomeridiane per genitori e ragazzi
Venerdì 11 e 25 novembre e sabato 14 gennaio dalle ore 15.00 alle ore 18.00

OPEN DAY
I licei si trasformano in un grande atelier
Sabato 3 dicembre dalle ore 15.00 alle ore 18.30 e domenica 4 dicembre 2016 dalle ore 10.00 alle ore 13.00
Gli studenti e i docenti presentano come si studia e si lavora al Malpighi attraverso mostre, spettacoli, progetti e laboratori.


-- CASTEL SAN PIETRO TERME --
Liceo Scientifico ad indirizzo Sportivo e Liceo Scienze Applicate

OPEN DAY
I licei si trasformano in un grande atelier
Sabato 19 novembre dalle ore 14.30 alle ore 18.30
Gli studenti e i docenti presentano come si studia e si lavora al Malpighi attraverso mostre, spettacoli, progetti e laboratori.
Nel corso del pomeriggio si terrà l'incontro di presentazione degli indirizzi di studio con la preside e i docenti.

Scuole Aperte per genitori e ragazzi
Sabato 10 dicembre e sabato 21 gennaio dalle ore 15.00 alle ore 18.30



LETTERA AI PRIMINI

L'introduzione più bella a questi appuntamenti sono le parole di questa lettera, parole con cui Martina Domenicali, una studentessa di quinta liceo, ha accolto gli studenti di prima il primo giorno di scuola.

http://www.liceomalpighi.it/memos/N10Cint1.jpg
x

Le Scuole Elisabetta Renzi di Cento si uniscono al Malpighi...

http://www.liceomalpighi.it/memos/N10Dint1.jpg

Giovedì scorso, per la prima volta nella mia vita, sono entrata dentro le classi di una scuola primaria.
Come dicevo alle maestre, sono rimasta stupita della proprietà di linguaggio, dell'attenzione, della curiosità, della vivacità e della capacità di dare ragioni dei bambini.
Nelle aule ho trovato un clima di lavoro, la passione, il desiderio di imparare, la serenità e l’affezione nei confronti dei maestri e dei compagni.
Ad un certo punto ho chiesto ai bambini che cosa avrebbero voluto fare da grandi e ho ricevuto le risposte più disparate: il falconiere, il cercatore d'oro, l'insegnante d'inglese, il cuoco, il poliziotto, il veterinario.
In tutti c'era la certezza di riuscire a compiere i propri desideri e la sicurezza di essere nelle mani giuste per imparare e mettere le basi per crescere.
Sono rimasta colpita dalla loro coscienza dentro la semplicità delle loro risposte.N10Dint2.jpg
Con me c'era Clara Dell’Omarino, una mamma che, 8 anni fa, ha chiesto alle Mestre Pie che gestivano dal 1800 una scuola dell'infanzia a Cento di aprire prima una scuola elementare e poi una scuola media.
In pochi anni sono passati da 7 a 330 bambini.
Un’esperienza bellissima che ha coinvolto moltissime famiglie di questa bella città che ha attraversato proprio in questi anni il dolore del terremoto. Andando a Cento si vedono ancora edifici sorretti da impalcature ma tutto è pulito, bello e accogliente. Si percepisce la storia del nostro Paese che pulsa in questi piccole città ricche di cultura, arte, bellezze naturali e impresa.
Giovedì scorso ero in quella scuola perché l'Arcivescovo di Bologna ha chiesto al Presidente della Fondazione diocesana San Pellegrino, don Gabriele Porcarelli, di occuparsi di quella realtà educativa che le suore non sarebbero più riuscite a seguire.
Per la prima volta dal 1883, anno di fondazione del Malpighi, sono entrate nel nostro percorso scolastico anche una scuola dell’infanzia e una scuola primaria e la collaborazione ormai decennale con il Pellicano ci ha subito aiutato ad entrare in merito a sfide nuove, che non avevamo mai affrontato.
A fine luglio siamo entrati con Lucia Fanfoni sul tema della disposizione degli spazi all’interno delle aule della scuola dell’infanzia e abbiamo reimpostato con Claire, la lettrice, l’insegnamento dell'inglese per garantire fin dai tre anni almeno un’ora al giorno di contatto con questa lingua per sfruttare la capacità naturale dei piccoli di apprendere.
Siamo entrati in un mondo affascinante in cui si vede quanto sia importante il rapporto che si può stabilire con gli adulti fin dai primi anni di vita nelle aule di scuola.
Dopo questi mesi sono ancora più certa che siano molte di più le cose che potremo imparare dalle maestre di quante ne possano imparare loro da noi docenti del secondo ciclo.N10Dint3.jpg
Questa prospettiva sintetica non va persa mai.
Non è un caso che l'Università sia nata proprio da questa sfida: la possibilità di scoprire le connessioni.
Dimenticavo. Oltre a Clara, presidente della Fondazione Berti, ente proprietario dell’immobile in cui si trova la scuola dell’infanzia e la scuola primaria, abbiamo trovato una vice preside, la prof.ssa Gloria Succi, e dei docenti molto preparati ed appassionati delle persone, tutti scelti con cura da Suor Stefania che, insieme a don Giulio, ha accompagnato la scuola fin dall’inizio.
Quando a fine giugno abbiamo incontrato tutti i genitori per comunicare il passaggio di gestione abbiamo trovato persone che credono nell’importanza dell'educazione e ci hanno dato fiducia.
Abbiamo visto in loro la traccia di Mons. Salvatore Baviera che ha fatto moltissimo perché a Cento si vedessero i frutti di una fede capace di rispondere alle domande della vita, con uno spirito aperto e assolutamente laico.
E non è un caso che la scuola media sia proprio nei locali dell’oratorio di san Biagio che lui aveva fatto costruire negli anni '70 e che don Stefano, il parroco, ci dà la possibilità di utilizzare.
Papa Francesco nell’incontro con tutta la scuola l'11 maggio 2014 aveva ricordato che per "educare un figlio ci vuole un villaggio " e qui a Cento si capisce la verità di questa affermazione.
Infine, il prossimo 23 novembre S.E. Mons. Zuppi, Arcivescovo di Bologna, incontrerà i nostri bambini e in quell'occasione verrà presentato il progetto educativo delle Scuole Malpighi Elisabetta Renzi alle autorità e alla città intera.


Elena Ugolini, Preside

Vai a www.scuolemalpighirenzi.it
Scuola/Lavoro
Un'occasione da non perdere...
A scuola per far scuola
I docenti dei Licei a lezione da grandi maestri..
Malpighi’s got Talent
Si riparte il prossimo 11 novembre!
x

Scuola/Lavoro

A partire dallo scorso anno la legge sulla Buona Scuola (L.107/2015) ha sancito l'obbligo, per gli studenti liceali del triennio, di svolgere almeno 200 ore di attività volte ad introdurre i giovani al mondo del lavoro.
A volte succede che un "obbligo" si possa trasformare in una grande occasione.
Così è stato per i 46 ragazzi di 3As e 3Bs del nostro liceo.

N10Eint2.jpgLa collaborazione che intercorre da anni tra la nostra scuola e la Fondazione Golinelli (nota a tutta la città e alle scuole per le attività proposte nel campo delle biotecnologie) ci ha fatto venire un'idea: niente scuola nella settimana dal 19 al 23 settembre ma.. Lavoro!
Per una settimana, ogni giorno dalle 9.00 alle 17.00, i ragazzi di terza hanno svolto uno stage presso l'Opificio Golinelli, imparando la pratica di laboratorio biologico legata al campo agro alimentare. N10Eint1.jpg
Tra coltivazioni di piante in vitro, allestimento di talee, colture idroponiche, isolamento del DNA e analisi di genomi di piante e batteri, i ragazzi hanno appreso le tecniche e usato le strumentazioni più avanzate della ricerca biologica nel campo agro alimentare.
Il loro lavoro, correlato di relazione scientifica e presentazioni multimediali, verrà presentato all'Open Day della scuola il 3 e 4 dicembre.
Ciò che i ragazzi hanno appreso durante lo stage ha messo le basi per approfondire in classe l'anatomia e la fisiologia vegetale e per sviluppare, l'anno prossimo, gli aspetti legati all'economia del sistema agro alimentare e per svolgere tirocini in aziende di questo settore durante i mesi estivi.
Ecco come l'obbligo é diventato, per noi, una grande occasione.

Alfreda Zanforlin, Docente di Scienze naturali
x

A scuola per far scuola

I docenti dei Licei Malpighi di Bologna e di Castel San Pietro Terme hanno iniziato l’anno con tre intensi pomeriggi di aggiornamento insieme ai filosofi Costantino Esposito (Università di Bari) e Carmine Di Martino (Università degli Studi di Milano) e al fisico Alessandro Farini (CNR e Università di Firenze).
Qual è stata l’importanza di Cartesio per la genesi della cultura moderna nell’intreccio tra geometria analitica e razionalismo filosofico?
Quali contaminazioni e interdipendenze sussistono tra filosofia e scienza nell’età moderna e contemporanea?
Cosa significa fare ricerca scientifica oggi nel campo della visione applicato alla fruizione delle opere d’arte?
Queste e altre affascinanti domande, nate nel lavoro di aggiornamento dei docenti degli ultimi due anni e poste a tali autorevoli studiosi, hanno aperto nuove piste di ricerca e ampliato la condivisione tra diverse aree disciplinari per una didattica sempre più consapevole e feconda.
Rimanere in rapporto continuo con chi fa ricerca oggi permette ai docenti di creare un clima di condivisione, aiuta ad insegnare aprendo problemi anzichè imponendo risposte e aiuta a coltivare il desiderio degli studenti che, come dice Giorgio Gaber, “è il primo impulso per conoscere e capire, è la radice di una pianta delicata che se sai coltivare ti tiene in vita”.

Il lavoro di aggiornamento continuerà per tutto l’anno insieme ad esperti del mondo accademico sulle grandi questioni della cultura scientifica e letteraria del ‘600 e sui rapporti tra filosofia, scienza e arte nel XX sec.

Due corsi, organizzati in collaborazione con l'Università di Bologna, sulla Storia del ‘900 e sull'Arte contemporanea, saranno aperti anche agli studenti, ai genitori interessati e a tutta la città e si terranno presso il Malpighi LaB e la biblioteca del Liceo.
Si tratta di una preziosa occasione per approfondire le proprie conoscenze e sviluppare una coscienza critica delle tematiche più importanti relative al nostro tempo, ascoltando alcuni tra i più importanti studiosi del panorama universitario italiano:
- Novecento e oltre. Teoria, prassi politiche e problemi aperti
Webinar di storia contemporanea di otto lezioni sul XX sec. con Emilio Gentile, Federico Romero, Massimo Campanini, Giovanni Giorgini,Diego Fusaro ed altri studiosi.
- Nuovi linguaggi e nuove prassi nell'Arte contemporanea
Webinar di arte contemporanea di 4 lezioni sull’arte del XX sec. con Beatrice Buscaroli, Elena Pontiggia, Davide Dall’Ombra, Marco Tonelli.

Marco Ferrari, Docente di Storia e Filosofia

Per informazioni e iscrizioni: mail a mferrari@liceomalpighi.it
x

Malpighi’s got Talent

http://www.liceomalpighi.it/memos/N10Fint1.jpg


“Abbiamo il desiderio di dimostrare che abbiamo tante passioni, talenti e siamo in grado di fare delle cose belle, oltre che studiare”


Queste sono le parole che i Rappresentanti degli Studenti dissero durante un Consiglio di Istituto di alcuni anni fa.
Un gruppo di genitori assieme ai professori hanno ascoltato questo “desiderio” e hanno tentato di trasformarlo in qualcosa di concreto che avesse lo scopo di fare vedere i ragazzi anche sotto quella nuova luce che loro desideravano mostrare; non solo studenti ma anche cantanti, attori e musicisti.
Il Malpighi’s Got Talent nasce da questo desiderio ma non è solo puro e mero show.
E’ uno spettacolo che ha il fine di sostenere con l’incasso della serata, il Fondo di Solidarietà per le Borse di Studio della nostra Scuola, per non discriminare in base al reddito nessun studente che desidera fare parte dell’esperienza Malpighi. Frequentare il Malpighi non è, infatti, solo “un andare a scuola” ma è intraprendere un’avventura che coinvolge tutta la persona. Di questo sono convinti i genitori, i professori, il personale della scuola, gli studenti e tutti quelli che si hanno aiutato ad organizzare il Talent.
Nel corso degli anni abbiamo constatato che organizzare e partecipare al Talent è davvero un esperienza incredibile, un’avventura meravigliosa.
Il gruppo organizzatore di anno in anno si allarga sempre più di nuove persone; si sono creati forti legami d’amicizia che vanno ben oltre lo spettacolo. Si è imparato a vedere il lato gioioso dei professori e dei genitori, ci si sorprende ogni volta della bravura e del coraggio dei nostri figli/studenti/compagni/colleghi. Impariamo continuamente qualcosa di più gli uni degli altri e creiamo o rafforziamo delle relazioni importanti. Qualcuno potrà domandarsi a cosa serva tutto questo? Noi rispondiamo che aiuta ognuno di noi a a guardare con uno sguardo diverso “l’altro” che ci sta accanto, ad avere il coraggio di farci conoscere per quelli che siamo al di là del nostro ruolo nella società e a condividere dei valori. Non è di certo qualcosa di facile e d’immediato ma ogni giorno ci proviamo e speriamo di cuore che molti altri genitori provino il desiderio di far parte di questo gruppo.
Ci auguriamo inoltre che quello che abbiamo cercato di trasmettere in queste poche righe si colga nello spirito che governa il Talent e che lo rende un’ esperienza unica e meravigliosa.
Vi aspettiamo numerosi al Malpighi’s Got Talent 2016, l’11 Novembre alle ore 21 presso teatro “Il Celebrazioni” in Via Saragozza, 234, Bologna.
I biglietti-invito sono disponibili esclusivamente presso le segreterie delle scuole.
Per chi avesse voglia di aiutare nell’organizzazione dello spettacolo o per chi avesse un talento da proporre può contattarci: chiara.mattioli4@unibo.it o roberta.spadoni@unibo.it


Per ricevere questa Newsletter inviare un messaggio all'indirizzo memos-subscribe@liceomalpighi.it