flickr rss
logomenu
INTRODUZIONE ALLA REALTÀ, ECCO COS'È L'EDUCAZIONE
Memos
 
Coding! Studiare informatica

Con l’introduzione dell’Informatica nel percorso del Liceo delle Scienze Applicate, viene data la giusta dignità una scienza che è pervasivamente presente attorno a noi e che sarà sempre più rilevante in una grande quantità di professioni e di aspetti della vita sociale e personale.
Così come accade per le altre scienze, lo studio dell’Informatica non vuole formare esperti programmatori, progettisti o sistemisti, ma dare gli strumenti culturali affinché i ragazzi possano comprendere il mondo che li circonda ed esserne attori oltre che fruitori passivi.

Lo studio dell’Informatica parte dunque da una alfabetizzazione sulla struttura e sul funzionamento dello strumento “computer”, senza che però questo diventi l’oggetto unico di studio: in quanto Scienza, l’Informatica si occupa anche (e soprattutto) di idee.
Vengono pertanto studiati i concetti fondamentali alla base dell’Informatica: codifica, elaborazione e trasmissione dell’informazione in modo automatico.
Grande importanza è data allo sviluppo del pensiero computazionale, metodologia di problem solving - umana e creativa - usata dagli informatici per affrontare i problemi e far sì che la tecnologia li risolva.
Lo sviluppo di questa modalità di approccio ai problemi è raggiunto principalmente tramite l’insegnamento della programmazione: negli anni si passa da una programmazione visuale, adatta ai ragazzi più giovani che devono imparare i fondamenti, a una testuale in linguaggi professionali quali C++, Python e Java, che permettono di realizzare programmi complessi e applicazioni per smartphone.
Non viene poi trascurato il mondo della Rete: ai ragazzi viene insegnata storia, organizzazione e funzionamento di Internet e dei suoi servizi, oltre che la realizzazione di siti web dinamici.
Al quinto anno vengono insegnati anche i “fondamenti” logici che stanno alla base dell’elaborazione automatica, oltre che la sicurezza in Rete e la crittografia.

Essendo una disciplina pervasiva, l’approccio usato è altamente multidisciplinare: per quel che riguarda gli aspetti più tecnologici, l’Informatica diventa supporto a tutte le discipline come strumento di elaborazione dei dati e presentazione dei contenuti.
Per quel che riguarda gli aspetti più scientifici, tutto il percorso liceale vede forti interazioni tra l’Informatica e la Matematica (calcolo numerico, statistica) e con le altre Scienze (simulazioni fisiche e biologiche).

Proprio per la natura creativa e “costruttiva” dell’Informatica, viene utilizzato un approccio fortemente laboratoriale (grazie anche alla presenza del Malpighi LaB) che permette ai ragazzi di misurarsi con problemi concreti, di imparare dall’esperienza e di essere motivati e coinvolti da attività che permettono loro di comprendere meglio e di agire sulla realtà.
La riflessione e lo studio teorico, fondamentali in generale e in particolare al Liceo, non sono però trascurati, ma insegnati a partire dalle esperienze, così da dare ad essi maggiore concretezza e senso.

Code Stars
Mitchel Resnick del MIT a TEDX